La febbre della birra in Italia

280541985_68bf97ea68

Negli ultimi anni sono apparsi sempre più articoli su quotidiani nazionali con oggetto la produzione e il consumo di birra artigianale. L’ultimo è uno del sole 24 ore di fine maggio sul fenomeno dell’apertura di nuovi birrifici in Italia. Sembrerebbe proprio una “febbre della birra” che negli ultimi anni ha investito la penisola, nonostante lungaggini burocratiche, accise in aumento e la congiuntura economica sfavorevole. Aprire un nuovo birrificio non è una cosa semplice o economica, eppure esiste una comunità di 650 produttori che ha superato queste difficoltà con un’arma vincente: la passione per la buona birra.
Le indagini, infatti, non lasciano molti dubbi al fatto che non ci si improvvisa mastri birrai.
Resta, ad ogni modo, un dato molto incoraggiante per chi ama la birra di qualità, perché gli Italiani sono sempre più attenti al consumo della birra, prediligendo gusti nuovi e ricercati. A dimostrazione di ciò, si pensi che il numero di microbirrifici italiani è più che triplicato dal 2008, uno degli incrementi più forti in Europa anche se le produzioni oltre i 2.500 hl l’anno sono poco oltre la decina.
Non si può che rallegrarsi allora e iniziare a sorseggiare la birra di uno dei birrifici italiani. Tranquilli e sedetevi comodi, ce ne sono altri 650 da provare!